RICHIESTA INFORMAZIONI RICHIESTA INFO

ZONE

aree di utilizzo attrezzature

Le aree classificate come soggette a pericolo esplosione non sono tutte uguali: vengono infatti suddivise in base al livello di pericolosità, stabilito in base alla concentrazione della sostanza infiammabile e al tipo di sostanza infiammabile che vi si trova (gas o polveri). Anche le trasformazioni antideflagranti si dovranno di conseguenza differenziare in base alle aree in cui le attrezzature oggetto di trasformazione dovranno essere utilizzate.

ZONE

aree di utilizzo attrezzature

Le aree classificate come soggette a pericolo esplosione non sono tutte uguali: vengono infatti suddivise in base al livello di pericolosità, stabilito in base alla concentrazione della sostanza infiammabile e al tipo di sostanza infiammabile che vi si trova (gas o polveri). Anche le trasformazioni antideflagranti si dovranno di conseguenza differenziare in base alle aree in cui le attrezzature oggetto di trasformazione dovranno essere utilizzate.

NORME PER ANTIDEFLAGRANTI

classificazione

Vi sono diverse normative alle quali si può fare riferimento per le trasformazioni antideflagranti. Le più note e importanti sono:

  • la norma ATEX, a livello sia europeo sia extraeuropeo: molto completa, si occupa sia dei rischi elettrici sia dei rischi meccanici;
  • la norma IECEX, a livello mondiale: si occupa dei soli rischi elettrici;
  • la normativa antideflagrante UL per gli Stati Uniti;
  • la norma AUSTRALIAN STANDARD in abbinamento alle normative ATEX ed IECEX per Australia e Nuova Zelanda

NORME PER ANTIDEFLAGRANTI

classificazione

Vi sono diverse normative alle quali si può fare riferimento per le trasformazioni antideflagranti. Le più note e importanti sono:

  • la norma ATEX, a livello sia europeo sia extraeuropeo: molto completa, si occupa sia dei rischi elettrici sia dei rischi meccanici;
  • la norma IECEX, a livello mondiale: si occupa dei soli rischi elettrici;
  • la normativa antideflagrante UL per gli Stati Uniti;
  • la norma AUSTRALIAN STANDARD in abbinamento alle normative ATEX ed IECEX per Australia e Nuova Zelanda

VARIE ZONE A PERICOLO ESPLOSIONE

definite secondo la norma

ATEX 2014/24/EU

GR. I M1

La categoria M1 comprende i prodotti progettati per funzionare conformemente ai parametri operativi stabiliti dal fabbricante e assicurare un livello di protezione molto elevato. In particolare i prodotti di questa categoria devono rimanere operativi in atmosfera esplosiva, anche in caso di guasto eccezionale.

GR. I M2

La categoria M2 invece comprende i prodotti progettati per funzionare conformemente ai parametri operativi stabiliti dal fabbricante e basati su un livello di protezione elevato. In particolare, l’alimentazione di energia dei prodotti di questa categoria deve interrompersi in presenza di atmosfera potenzialmente esplosiva

GR. II - ZONA 0

Ambiente in cui si rileva, sempre, spesso o per lunghi periodi, un’atmosfera esplosiva dovuta a miscele di aria e gas, vapori, nebbie o miscele di aria e polveri.

Nella zona 0 possono lavorare macchine in categoria 1(1G/1D)

La categoria 1 comprende i prodotti progettati per funzionare conformemente ai parametri operativi stabiliti dal fabbricante e garantire un livello di protezione molto elevato per l’uso previsto in Zona 0/20.

I prodotti di questa categoria sono caratterizzati da mezzi di protezione tali che: o in caso di guasto (anche eccezionale) di uno dei mezzi di protezione, almeno un secondo mezzo indipendente garantisca un livello di sicurezza sufficiente, o oppure qualora si manifestino due guasti indipendenti uno dall’altro, sia garantito un livello di sicurezza sufficiente.

NON è POSSIBILE EFFETTUARE TRASFORMAZIONI PER QUESTA AREA

GR. II - ZONA 1

Ambienti in cui vi è la probabilità che si manifestino atmosfere esplosive dovute a gas, vapori, nebbie o miscele di aria e polveri.

La categoria 2 comprende i prodotti progettati per funzionare conformemente ai parametri operativi stabiliti dal fabbricante e garantire un livello di protezione elevato per l’uso previsto in ZONA 1/21.

I mezzi di protezione relativi agli apparecchi di questa categoria garantiscono il livello di protezione richiesto anche in presenza di anomalie ricorrenti o difetti di funzionamento degli apparecchi di cui occorre abitualmente tener conto.

GR. II - ZONA 2

Ambienti in cui vi sono scarse probabilità che si manifestino, e comunque solo per breve tempo, atmosfere esplosive dovute a gas, vapori, nebbie o miscele di aria e polveri.

La categoria 3 comprende i prodotti progettati per funzionare conformemente ai parametri operativi stabiliti dal fabbricante e garantire un livello di protezione normale per l’uso previsto in ZONA 2/22.

I prodotti di questa categoria garantiscono il livello di protezione richiesto a funzionamento normale.

GR. II - ZONA 20

Ambiente in cui si rileva, sempre, spesso o per lunghi periodi, un’atmosfera esplosiva dovuta a miscele di aria e gas, vapori, nebbie o miscele di aria e polveri.

Nella zona 0 possono lavorare macchine in categoria 1(1G/1D)

La categoria 1 comprende i prodotti progettati per funzionare conformemente ai parametri operativi stabiliti dal fabbricante e garantire un livello di protezione molto elevato per l’uso previsto in Zona 0/20.

I prodotti di questa categoria sono caratterizzati da mezzi di protezione tali che: o in caso di guasto (anche eccezionale) di uno dei mezzi di protezione, almeno un secondo mezzo indipendente garantisca un livello di sicurezza sufficiente, o oppure qualora si manifestino due guasti indipendenti uno dall’altro, sia garantito un livello di sicurezza sufficiente.

NON è POSSIBILE EFFETTUARE TRASFORMAZIONI PER QUESTA AREA

GR. II - ZONA 21

Ambienti in cui vi è la probabilità che si manifestino atmosfere esplosive dovute a gas, vapori, nebbie o miscele di aria e polveri.

La categoria 2 comprende i prodotti progettati per funzionare conformemente ai parametri operativi stabiliti dal fabbricante e garantire un livello di protezione elevato per l’uso previsto in ZONA 1/21.

I mezzi di protezione relativi agli apparecchi di questa categoria garantiscono il livello di protezione richiesto anche in presenza di anomalie ricorrenti o difetti di funzionamento degli apparecchi di cui occorre abitualmente tener conto.

GR. II - ZONA 22

Ambienti in cui vi sono scarse probabilità che si manifestino, e comunque solo per breve tempo, atmosfere esplosive dovute a gas, vapori, nebbie o miscele di aria e polveri.

La categoria 3 comprende i prodotti progettati per funzionare conformemente ai parametri operativi stabiliti dal fabbricante e garantire un livello di protezione normale per l’uso previsto in ZONA 2/22.

I prodotti di questa categoria garantiscono il livello di protezione richiesto a funzionamento normale.

SCHEMA IECEX

M2

ZONA 0

ZONA 1

ZONA 2

ZONA 20

ZONA 21

ZONA 22

UL (NORMATIVA AMERICANA)

CLASS 1 – DIV 1 - ZONA 0

CLASS 1 – DIV 1 - ZONA 1

CLASS 1 – DIV 2 - ZONA 2

CLASS 2 – DIV 1 - ZONA 20

CLASS 2 – DIV 1 - ZONA 21

CLASS 2 – DIV 2 - ZONA 22

AUSTRALIA

M2

ZONA 0

ZONA 1

ZONA 2

ZONA 20

ZONA 21

ZONA 22

RICHIESTA INFORMAZIONI O PREVENTIVO

contattaci per saperne di più

Richiedi maggiori informazioni per saperne di più sulle soluzioni efficaci e inedite per rendere antideflagrante qualsiasi macchinario per i settori Minerario, Oil & Gas e Industria.